Lettori fissi

lunedì 2 maggio 2016

Cake topper prima comunione

Incursione rapida per un post pieno di fotografie. Protagonista di oggi un cake topper realizzato per la prima comunione di una piccola ginnasta. E' stato un lavoro abbastanza lungo. La mia lontananza dalle OOAK mi fa arrugginire ogni volta e per riprendere i giri...ci impiego un po'. Sono comunque contenta di aver portato a termine questo lavoro, come contenta è stata la festeggiata e questa è la ricompensa più grande per me!!!
La statuina è alta circa 15cm., è realizzata interamente a mano in pasta polimerica e senza uso di stampi. Al suo interno una struttura metallica. Per il resto ho usato pigmenti, colori acrilici e un nastro di raso. La base è in legno.


                                                     










































mercoledì 13 aprile 2016

Collana "Omaggio all'Art Nouveau"

Il post di oggi è dedicato ad una collana che appartiene a me. E' realizzata partendo dell'elemento centrale, un volto di donna tra gli iris in argento, in stile - neanche a dirlo...- Art Nouveau. Era una spilla vintage, acquistata in un mercatino diverso tempo fa e che ha albergato in un cassetto, insieme a numerosi altri "cimeli" d'epoca.
Ho dunque smontato la spilla sul retro e montato la collana a due fili con un mix coloratissimo di pietre dure. I due fili sono uniti da due connettori in argento e la collana è chiusa da un semplice laccio in alcantara che consente di regolarne la lunghezza. Tra le pietre: agate, malachite, angelite, ametiste, lapislazzuli, avventurina, acqua marina grezza, perle d'acqua dolce, quarzo cherry, quarzo rosa e calcedonio. Ogni perla è legata all'altra da fili argentati.













martedì 5 aprile 2016

Collana "Fiordalisi Art Nouveau"

In attesa di sistemare le foto dei ceri pasquali, torno con un post riguardante un lavoro che mi ha impegnata per un bel pò ma del quale sono veramente contenta: la collana che ha per protagonisti due fiordalisi. Lo stile è naturalmente Art Nouveau. La richiesta della committente era per un gioiello che fosse simile ma rielaborato rispetto all'originale. Ho disegnato e schizzato molto, ma l'originale era talmente bello che non me la sono sentita di cambiarlo e così ho riprodotto una versione personale, fatta con i pochi mezzi a disposizione. Non sono un'orefice anche se a volte l'ho desiderato. Amo così tanto questo stile che ogni tanto sento la necessità di imprimere sulla carta le mie idee, riproporre questa eleganza nelle forme, la delicatezza dei soggetti. Disegni ne ho tantissimi, spesso "ospitati" anche sugli scontrini del supermercato, perché quando l'estro prende...diventa inarrestabile. 
Veniamo al gioiello di oggi. Dicevo che è stato un lavoro a lungo meditato perché in ogni caso volevo dare un tocco personale che rendesse unico questo pezzo. L'originale era totalmente in metallo con i petali in smalto cloissonné. Ho deciso dunque di inserire come variante, la tecnica delle "canes" nei petali creando un delicato contrasto cromatico. Ho inserito dei piccoli cristalli AB tra i vari petali, sulle corolle e sul bocciolo ed un unico grande cristallo AB alla base della composizione. Come sempre a sostegno della composizione c'è una base di fili metallici dorati martellati e saldati. Un tocco di pigmento perlescente crea un effetto cangiante sulla superficie dei petali. Per il montaggio ho scelto una sottilissima catenella dorata, senza null'altro aggiungere per non appesantire la composizione. Gli orecchini sono realizzati con perle di lapislazzuli e piccolissimi cristalli AB. 
Data la complessità e l'unicità del pezzo, NON verrà riprodotto.


                                                       























...trasparenza, leggerezza e solidità.


mercoledì 30 marzo 2016

Ancora fiori - gioielli in replica

Eccomi di ritorno dopo un periodo pre-pasquale  di superlavoro!! Per me è il periodo più intenso ma anche il più ricco spiritualmente, quello in cui dipingo i ceri pasquali le cui foto verranno pubblicate a breve. 
Oggi torno ai miei amati gioielli floreali Art Nouveau, una replica di qualche tempo fa e che avevo dimenticato di pubblicare perché nascosti nei meandri del mio archivio fotografico!! E non vi dico quante cose ci sarebbero ancora da mostrare!!

Ma torniamo al post di oggi: si tratta di due collane su commissione una delle quali replicata da un gioiello di qualche tempo fa. La prima:

Collier "Malva della Valdorcia" - meglio conosciuta come fiore azzurro della cicoria ( Bellissimo!!) 
La base è realizzata con fili di rame piegati, saldati e martellati sui quali è stata costruita la composizione di fiori e foglie. Alla base del gioiello un cristallo Swarovsky dello stesso azzurro dei fiori. Il pendente è una perla d'acqua dolce.


                                         











La seconda è ripresa da un gioiello di qualche tempo fa con le giuste varianti, per rendere comunque unico il pezzo:

Collier "White bells"

Anche in questo caso la base è realizzata in filo di rame. Il resto della composizione è in pasta polimerica. Alla base e lungo le catenelle ho montato delle perle d'acqua dolce rosate a riprendere la sfumatura interna alla corolla dei fiori. Al momento non verrà replicato.












mercoledì 2 marzo 2016

Icona " Madre della Consolazione"

Breve post per presentare un'icona realizzata su commissione e consegnata qualche tempo fa. Si tratta dell'immagine della Vergine della Consolazione. Come sempre è dipinta o meglio "scritta" con la tecnica della pittura ad uovo su tavola di tiglio. L'aureola è in oro 24kt come anche la grafia sul bordo del maphorion o manto della Vergine. La tavola misura 24 x 18 cm.
Qualche informazione in più: le tre stelle che compaiono sul capo e sulle spalle della Vergine ( solo quella sul capo in questa icona), sono un antico simbolo siriaco di verginità (era ricamato sul velo nuziale delle principesse). Esse hanno due significati: il primo è un simbolo della castità di Maria (Aeiparthenos), la sua verginità perpetua prima, durante e dopo il parto; in secondo luogo, è il simbolo della Santa Trinità. In molte icone la figura di Gesù bambino copre una delle stelle, simboleggiando l’incarnazione del Figlio di Dio, seconda hypostasis della Santa Trinità. (fonte la rete).








lunedì 22 febbraio 2016

Icona "Santissima Trinità"

Oggi pubblico l'immagine dell'icona della Santissima Trinità che ho consegnato poco tempo fa. Quest'icona è conosciuta anche come "l'Ospitalità di Abramo".

"L'arte paleocristiana e bizantina, seguendo i Padri della Chiesa, vede nei tre pellegrini apparsi ad Abramo al querceto di Mamre l'immagine della Santissima Trinità."

La storia ci dice che i tre pellegrini che nell'ora più calda del giorno visitarono Abramo a Mamre, un piccolo villaggio della Mesopotamia noto per la sua quercia, si rivelarono angeli messaggeri di Dio. In altre versioni della stessa immagine, Abramo e Sara servono a tavola i tre angeli. Essi hanno le ali spiegate e questo conferisce carattere di maestosità. La mensa dell'ospitalità di Abramo diviene prefigurazione dell'altare del sacro consiglio delle tre persone della Trinità. 
Questa rappresentata qui è tratta e ispirata all'icona originale di Andrej Rublëv un monaco pittore, che traduce nel 1441, la visione di San Sergio - adoratore della Trinità - in quello straordinario capolavoro di equilibrio teologico e bellezza artistico-spirituale  che è l'icona della Santissima Trinità. A Mosca la Chiesa ortodossa dichiara la Trinità di Rublëv modello unico e insuperabile a cui ogni pittore deve fare riferimento per rappresentare il mistero trinitario. Molto è stato scritto e teorizzato sull'identificazione dei tre personaggi della Trinità di Rublëv, cioè su quale angelo rappresenti il Padre, quale il Figlio e quale lo Spirito Santo; ma il mistero resta: infatti Abramo vide tre persone e adorò un'unità ( Tres vidit, unum adoravit). 
In alto a sinistra: all'immagine del Tempio corrisponde il Padre, misterioso e inconoscibile nel manto colore lilla da cui si intravede la veste blu che rappresenta la parte del cielo visibile all'uomo.
In alto a destra: all'immagine del monte corrisponde lo Spirito con il manto verde; alcuni identificano in questa figura l'immagine del Figlio per la docile posizione di obbedienza e perché si specchia nel calice del sacrificio, che originariamente vede al suo interno la testa dell'agnello, qui sostituita su richiesta del committente con tre pani eucaristici.
Il profilo dei troni su cui siedono i tre angeli e dei suppedanei, suggerisce un ottagono ( il fonte battesimale) mentre le figure sono inscritte in un cerchio, che rende la composizione perfetta anche dal punto di vista geometrico.
La silhouette degli angeli laterali forma il profilo di un calice che contiene il personaggio centrale.
All'immagine della quercia di Mamre, (albero della vita) che affonda le radici nel calice corrisponde il Figlio con veste rossa e fascia oro ( gonfia in corrispondenza della manica a indicare il sacrificio). La stupenda cascata del manto blu indica pienezza di vita. ( fonte Icone e Santi d'Oriente).
Il fondo è oro 24Kt e la parte pittorica è tempera all'uovo. Misura 50 x 40 cm.




domenica 31 gennaio 2016

Pendente "Camelia" - un gioiello due versioni

Sempre un po' in lotta con il tempo torno a pubblicare due versioni di uno stesso gioiello di qualche tempo fa. Si tratta di un lavoro su commissione. La committente mi aveva chiesto un pendente con il fiore della camelia, dandomi carta bianca circa la forma, sempre rispettando, ovviamente, le linee Liberty.  
Il primo ha una linea più classica e anche più simmetrica mentre il secondo è decisamente più moderno, pur rimanendo essenziale. Entrambe sono realizzati su una base di filo metallico dorato, saldato e martellato su cui sono stati adagiati il fiore e le foglie della camelia bianca in pasta polimerica. Il montaggio è realizzato utilizzando catenelle placcate oro 16kt e perle e goccia, di agata verde sottobosco. Neanche a dirlo uno dei due non è più disponibile ed è il secondo pubblicato qui sotto, mentre è ancora disponibile il primo.


Disponibile
                                              





Venduto - Sold





venerdì 1 gennaio 2016

Presepe Natale 2015

Un nuovo post per concludere il 2015 e iniziare il 2016 in modo molto "casalingo". Una serie di immagini per rendervi partecipi di ciò che ogni anno riempe la nostra vita e la nostra casa ^_^. Il nostro MEGA presepe! Sono molti anni che lo costruiamo, aggiungendo ogni anno qualcosa in più. Fa parte di noi, della nostra famiglia, delle nostre tradizioni, della nostra fede. E oggi lo condivido, per la prima volta, anche qui! Mettetevi comodi, si comincia!!