Lettori fissi

lunedì 18 luglio 2016

Cake topper matrimonio

La cosa incredibile di questo periodo è che, nonostante le molte cose da fare, riesco a pubblicare abbastanza frequentemente e ne sono contenta!
Oggi torno con un post dedicato ad un lavoro che mi ha tenuta inchiodata al mio tavolo di lavoro per moooolto tempo: un nuovo cake topper per un matrimonio.
Le statuine sono interamente modellate a mano, in pasta polimerica, senza uso di stampi. Hanno al loro interno un'armatura che li sostiene. La particolarità di questo cake topper sono tutti i dolci che mi sono divertita a creare intorno agli sposi, per far presente la passione dello sposo, produrre dolci in maniera casalinga e del tutto amatoriale, per la sua dolce metà. Diciamo pure che l'ha conquistata con le sue torte di frutta. Ed ora spazio alle immagini...


































        














Ecco gli sposi...




...e la loro torta con le mie statuine... ^_^




ah! Dimenticavo...gli sposi sono mio fratello e mia cognata ^_^

sabato 16 luglio 2016

Collana "Tropici"

Ancora un post dedicato alle vostre richieste. Questa volta si tratta di una collana che ha come elemento focale un frangipane, bellissimo e delicatissimo fiore tropicale. Chi ha avuto il piacere di assaporarne il profumo sa quanto sia delicato e inebriante. Questa versione del frangipane è più colorata di quella più nota che ha, al centro della corolla bianca, una tenue sfumatura gialla.
Il fiore è modellato a mano in pasta polimerica senza uso di stampi. E' colorato con pigmenti in polvere e adagiato su una filigrana dorata. Per il montaggio delle tre file di pendenti, ho utilizzato diverse pietre dure e cristalli colorati: gocce di agata rosa, sfere di agata magenta e giada verde scuro, quarzo cherry e cristalli verde pallido. Al posto della solita catenella ho sostituito un laccetto in alcantara dal bellissimo tono di rosa acceso, molto più adatto alla stagione estiva.

                                                                       









domenica 3 luglio 2016

Icona del Crocifisso

Il post di oggi è dedicato ad un lavoro che mi ha tenuta impegnata per molto tempo. Nulla ha a che fare con i gioielli Art Nouveau che sono una delle mie grandi passioni, ma è quello che più profondamente tocca la mia anima: l'iconografia. Il post di oggi è appunto dedicato all'icona del Crocifisso.
L'immagine è ispirata al Crocifisso di Cimabue del 1270, che si trova nella chiesa di S. Domenico ad Arezzo.
Come già detto in precedenza, nel linguaggio iconografico non si parla di dipingere un'immagine, bensì di "scrivere" un'icona. Scrivere un'icona significa dare immagine alla parola di Dio attraverso "l'alfabeto dei colori" (cit. della mia insegnante Maria) che sono il linguaggio più immediato per noi, attraverso la tecnica bizantina, su una tavola in legno di tiglio stagionato. La tecnica pittorica prevede l'uso di tempera all'uovo con pigmenti naturali. L'oro è in foglia 24kt, brunito a mano con pietra d'agata. La crisografia, ossia i fili d'oro tracciati sul panno del Cristo e sugli abiti dei piangenti, la Vergine Maria a sinistra e S. Giovanni a destra, è oro in conchiglia, ossia, polvere d'oro 24kt tracciata a pennello. Le misure sono 60 cm in altezza per 52 cm di larghezza. 
Scrivere quest'immagine ha richiesto molto tempo, concentrazione, meditazione, umiltà e preghiera, riconoscendo la propria limitatezza nel dare corpo a qualcosa che non conosciamo mai abbastanza profondamente. E' stato un tempo prezioso in cui, come ha detto un mio collega di corso, è stato come accarezzare con dolcezza queste immagini. La pace e l'emozione che si riceve nel dare forma a tutto questo è impagabile e inenarrabile, già, perché ognuno dovrebbe poter sperimentare l'unicità di questo dono!!
Un ringraziamento speciale va a Maria, la mia insegnante, che con amore, umiltà e dedizione mi ha guidata in questo meraviglioso percorso e anche a Francesco, mio marito, attraverso le cui bellissime foto, i miei lavori arrivano a chiunque passi di qua.
Per qualunque altra informazione o curiosità vi invito a contattarmi.


                                                                         







La Vergine Maria




S. Giovanni